Erika Montedoro | Guida turistica

Rincorrendo l'unicorno

03.07.20 08:42 AM Comment(s) By e.montedoro

Blasonati o no, alla Rocca di Angera tutti dobbiamo presentarci al cospetto dell’unicorno. Sopra l’arco dingresso alla corte d’onore, fa bella mostra lo scudo dei Borromeo, dove il leggendario destriero è dipinto di bianco in campo rosso, tra svolazzi di nastri blu. Ad accompaganarlo ci sono il dromedario col pennacchio, simbolo di pazienza e devozione, e il biscione milanese, in segno di fedeltà alla casata Visconti-Sforza, da cui i Borromeo acquisirono il possedimento.

Dalla torre castellana di Angera le potenti famiglie dominavano il Lago Maggiore e i suoi commerci. Di fronte si ergeva la Rocca di Arona, che vide i natali di san Carlo e che molto tempo dopo sarebbe stata distrutta per ordine napoleonico.


Se davvero volete entrare nel magnifico regno del liocorno, dovrete navigare verso nord, fino all’Isola Bella. Tra i nobili ambienti del palazzo, ritroverete il favoloso animale tessuto in un arazzo prezioso, mentre lotta con una fiera, o pietrificato per sempre nei mosaici delle grotte. Alla fine del viaggio sarà lì ad attendervi, altero e rampante, in cima alla terrazza più alta del giardino, a ribadire il suo dominio sul golfo delle Isole Borromee.
Tra i miei Itinerari sul Lago Maggiore ci sono il borgo di Angera e la Rocca Borromeo.


© Riproduzione Riservata


Indietro